UN PRESEPE DI PANE E PASTA

Nell’anno del Congresso Eucaristico Diocesano: UN PRESEPE REALIZZATO COMPLETAMENTE CON MATERIALE DERIVATO DAL GRANO: PANE E PASTA.

IMG_8947fiumepozzoIMG_8954IMG_8949IMG_8946

 Nel Figlio della Vergine, “avvolto in fasce” e “deposto in una mangiatoia” (Lc 2,12), riconosciamo e adoriamo “il Pane disceso dal cielo” (Gv 6,41.51).

A BETLEMME [in ebraico םֶחֶל תִיֵּב , (Beit Lehem), lett. “Casa del Pane”] cometanasce il nostro Divino Redentore che per noi, viandanti sui sentieri del tempo, si è fatto cibo di vita eterna.

IL LIEVITO che gonfia, fermenta e inacidisce (simbolo del peccato) è presente in tutto ma non in Gesù (unico in pane azzimo): Lui, infatti sarà “l’agnello senza difetto”, senza peccato immolato per noi per liberarci dalla schiavitù del peccato. “Purificatevi del vecchio lievito, per essere una nuova pasta” “Celebriamo la festa, non con vecchio lievito, né con lievito di malizia e di malvagità, ma con gli azzimi della sincerità e della verità” (1 Cor 5:7-8).

IMG_0839 (3)Con Gesù è giunto il tempo per tenere il “lievito vecchio” fuori dalla vita e far sì che essa si amalgami invece con il lievito nuovo dello Spirito Santo diventando “pasta nuova” e lievito buono che fermenta positivamente l’umanità.

Gesù è posto in una “MANGIATOIA” fatta con un ostia e delle spighe di grano:culla_ostia-spighe

Lui è la SPIGA VIVA che per essere grano buono, per essere mangiato … doveva crescere, cadere in terra, perfino morire, per germinare e produrre molto frutto. … per questo si è lasciato macinare, triturare fino alla morte, cuocere al calore della risurrezione, per diventare alla fine quel pane vivo che nutre l’umanità.

Come Dio ha sfamato gli Israeliti nel deserto con la manna dal cielo, Gesù ora alimenta i credenti con il vero pane celeste, sé stesso, il PANE DELLA VITA (Gv.6,32,33).

IMG_0859 (2)Sì! Dio ha tanto amato il mondo che ha voluto farsi mangiare!

Maria lo aveva deposto in una mangiatoia vera e propria, quella dove i contadini, i pastori deponevano il cibo per gli animali. A “nutrirsi” a questa mangiatoia di stupore e di gioia vediamo arrivare e fermarsi in adorazione gli ANGELI, i PASTORI e i MAGI. IMG_0870Creature celesti, uomini, donne, poveri e potenti, tutti sono invitati ad andare alla mangiatoia per adorare e nutrirsi di Colui che nutre il mondo.

Anche NOI mettiamoci in cammino verso Betlemme, senza paura, “Betlemme, «casa del pane» è la Chiesa, in cui si dispensa il corpo di Cristo, il vero Pane. La mangiatoia di Betlemme è l’altare” (Dai Discorsi di sant’Elredo, abate)

Nutrendoci del Corpo di Cristo che si fa “pane spezzato”, tutta la nostra vita diventa impegno concreto a fare di noi stessi “pane spezzato” per gli altri.

IMG_8930Le BRICIOLE di cui è solcata la strada ci ricordano che, come esse sono frammenti di pane spezzato, così ciascuno di noi con la propria vita è chiamato ad essere testimone dello “spezzarsi” di Gesù per l’umanità.

IMG_0873

 

 

Related Posts